Contratto preliminare di compravendita: cosa c’è da sapere

Contratto preliminare di compravendita immobiliare

Nel contratto preliminare di compravendita il venditore e l’acquirente che intendono avviare una trattativa di compravendita di un immobile si impegnano a regolare le trattative che regoleranno l’acquisto e a vincolare giuridicamente le parti a vendere e comprare l’immobile.


Contratto preliminare di compravendita: cosa c'è da sapere
Contratto preliminare di compravendita: cosa c’è da sapere

Prima di arrivare alla redazione, ambo le parti avviano delle trattative che culminano con la proposta scritta di acquisto, in cui saranno presenti le condizioni con cui l’acquirente intende comprare l’immobile.

Il contratto preliminare di compravendita quindi, non segue il diretto passaggio di proprietà. Vediamo più nel dettaglio.

 

Contratto preliminare di compravendita: contrattazione e redazione

Al termine delle trattative tra venditore e acquirente, si redige una proposta scritta di acquisto dell’immobile, con il quale l’acquirente propone l’acquisto dell’immobile a determinate condizioni. Se la controparte intende modificare un punto della proposta, dovrà renderne partecipe anche l’acquirente, che potrà accettarla o modificarla ulteriormente.

Nel momento in cui si giunge a un accordo, si accettano e sottoscrivono le proposte di compravendita, redigendo in questo modo un documento preliminare di compravendita.

 

Preliminare di compravendita: caratteristiche

Nel contratto preliminare dovranno essere presenti tutti gli elementi essenziali della compravendita dell’immobile. Questo comprende.

  • Il consenso delle due parti
  • Le caratteristiche come i dati catastali, le planimetrie
  • Prezzo di vendita

È possibile infatti personalizzare il contratto con altre clausole, come una scadenza entro il quale dovrà essere firmato il contatto di acquisto definitivo, la caparra o la penale in caso di un adempimento da parte di una delle due parti, o da entrambe le parti.

N.B. In quanto stabilito dal 4 giugno 2013 n. 63 è anche obbligatorio avere un attestato per la prestazione energetica. Questo coinvolge anche il contratto preliminare, oltre a quello di acquisto. Il venditore dovrà presentare all’acquirente l’attestato di prestazione energetica e consegnarlo al fine delle trattative.

Per essere sicuri che il contratto sia scritto correttamente e che le parti rispettino al 100% le modalità di vendita e di acquisto, ci si potrà rivolgere a un’agenzia immobiliare che tra i servizi offerti risulta anche l’organizzazione del contratto di compravendita

Studio Ungheria – Vendita di immobili in corso di costruzione, Roma