Un conto in Inghilterra


La necessità di aprire un conto corrente in Inghilterra può sorgere per svariati motivi, come ad esempio, un trasferimento in territorio inglese. A prescindere dalla motivazioni, l’apertura di un conto in Inghilterra è davvero un procedimento molto semplice e rapido.

 

Come aprire un conto corrente inglese e quali sono i documenti necessari?

L’apertura di un conto corrente in UK è semplice ed economica. Un conto inglese, infatti, non prevede alcun tipo di commissione. Sarà inoltre possibile chiudere il conto semplicemente recandosi in Banca.
Per aprire un conto corrente in Inghilterra sono necessari i seguenti documenti:

  • Un passaporto in corso di validità, in quanto in Inghilterra non esiste un documento simile alla nostra Carta d’identità. Il consiglio è di portare sempre con sé un passaporto;
  • Un documento, denominato proof of address, che attesta la vostra residenza nel Regno Unito. Basterà mostrare un regolare contratto d’affitto o le ricevute di pagamento delle utenze di acqua o luce. Anche un college o una residenza privata possono produrre un valido proof of address.

 

Quale banca scegliere per aprire un conto corrente inglese?

Il sistema bancario del Regno Unito è molto snello e all’avanguardia, soprattutto per quanto riguarda i servizi online. Tra i principali istituti bancari inglese troviamo Santander, Llodys e Natwest. Quelle appena citate sono alcune delle Banche più grandi in UK con filiali sparse in modo capillare sull’intero territorio britannico.
Per aprire un conto corrente in Inghilterra, a prescindere della banca, sono previste una serie di condizioni abbastanza omogenee. Come già accennato in precedenza, per le principali operazioni, come prelievi, incassi ed acquisti online, non sono previste commissioni.
Qualora si fosse sprovvisti di un valido proof of address è consigliabile rivolgersi alle seguenti banche:

  • Barclays;
  • TSB
  • HSBC
  • Lloyd.

Questi tre istituti bancari appena citati permettono anche a persone appena approdate in Inghilterra e dunque con in possesso una prova di residenza, di aprire un conto corrente. In alcuni casi sarà necessario versare una determinata somma in fase di apertura del conto.

Le tre tipologie di conto corrente previste in Inghilterra

Di seguito andremo ad analizzare i tre tipi di conto corrente previsti dal sistema bancario inglese:

  • conto corrente base, indicato per chi non è in possesso di un regolare contratto lavorativo;
  • conto corrente standard, molto simile a quello base con la differenza di prevedere la possibilità di andare in scoperto;
  • il conto corrente speciale che prevede una serie di benefici per i correntisti.

In chiusura, per aprire un conto corrente in Inghilterra, qualora non si mastichi alla perfezione l’inglese, è necessario prepararsi a rispondere a delle semplici domande che, sicuramente, verranno poste dagli addetti in banca come:

  • da quanto tempo si risiede in Inghilterra
  • per quanto tempo si presume di rimanere in Inghilterra;
  • il perché dell’apertura del conto.