Consuelenza seo: i siti web ne hanno sempre più bisogno


Con l’incremento dei costi della pubblicità a pagamento sempre più aziende si stanno rivolgendo a consulenti seo per migliorare il proprio posizionamento organico e trarre vantaggio da quella che viene definita ricerca organica.

Se durante questi anni la seo si è trasformata a causa dei continui cambiamenti dei motori di ricerca, i siti web non possono fare a meno di scalare le serp per ottenere traffico qualificato.

Agenzie e Consulenti seo si sfidano ogni giorno per offrire alle aziende il miglior servizio possibile, ma la competizione si fa forte e quindi nasce l’esigenza di utilizzare tutti i canali di web marketing per incrementare le impression.

La seo o search engine oprimization nasce con la nascita dei motori di ricerca, ma le tecniche sono molto cambiate in funzione degli aggiornamenti degli algoritmi sempre più precisi e capaci di captare quello che viene definito spam.

I consulenti seo devono principalmente curare la parte onsite, che rappresenta un buon 60% del motivo per cui un sito si posiziona nella prima pagina dei motori di ricerca.

Per farlo deve curare con attenzione:

  • keywords
  • usabilità e quindi navigazione
  • contenuti testuali e immagini
  • titoli e meta
  • codice html, titoli h1, h2, ecc
  • responsive design, mobile first
  • velocità di caricamento
  • Sicurezza del protocollo

L’approccio e la metodologia di ogni consulente seo sono diversi, ma i passaggi fondamentali rimangono invariati per tutti. E’ per questo motivo che, ad un consulente seo si chiede principalmente nella prima fase di progetto una relazione che identifichi i punti di forza e di debolezza del sito.

La differenza tra una strategia vincente e una di scarsa qualità la fa l’esperienza del consulente seo, che deve aver ben chiari quali sono gli obiettivi e saperli tradurre in azioni ben precise.

Non tutti i consulenti seo, si spingono oltre l’indicizzazione e questo è un grosso limite perché se un sito ha molti accessi ma poche conversioni, vuol dire che le keywords per cui è stato indicizzato non sono pertinenti ai servizi offerti o ai prodotti. La seconda causa di poche conversioni potrebbe essere dovuta ad una scarsa ottimizzazione delle pagine dal punto di vista dell’esperienza utente, e questo si può misurare tramiti appositi tools, o le google analytics.

Saper leggere le analytics è di fondamentale importanza per la conversion rate, ed è uno dei servizi che vengono richiesti subito dopo il posizionamento seo.

Il consulente seo, dovrebbe quindi conoscere anche l’arte della conversione per non creare siti ben posizionati sui motori di ricerca ma inconcludenti dal punto di vista del rendimento.

Il secondo aspetto da tenere in considerazione quando si posiziona un un sito web, è la link reputation.

Un consulente seo dovrebbe conoscere perfettamente l’arte della link building. Consigliare di costruire contenuti di tale interesse da essere linkati da blogger e magazine online, dovrebbe essere considerato come una priorità.

Attraverso article marketing, digital pr, e comunicati stampa, il consulente seo può migliorare la qualità dei link in ingresso, così da avere una maggiore reputazione agli occhi dei motori di ricerca.

Scalare le serp è sempre più complesso, e le variabili in gioco sono moltissime. Solo l’esperienza e la sperimentazione permettono al consulente seo di ottenere risultati di prestigio.