Come si realizza una casetta di legno

Con un tocco di stile e un occhio alla gestione degli spazi, una casetta di legno può essere la soluzione ideale per sfruttare al meglio cortili e giardini.


Come si realizza una casetta di legno
Come si realizza una casetta di legno

Le valutazioni per fare la giusta scelta

Per individuare la casetta in legno che soddisfi al meglio le necessità, é indispensabile fare alcune valutazioni preliminari. Tali valutazioni partiranno ovviamente dal considerare la superficie disponibile per la casetta di legno e la prevalente destinazione d’uso che si intende farne (ricovero attrezzi, protezione delle piante durante la stagione fredda,…). Il secondo passaggio fondamentale é quello di scegliere il legno più adatto: l’essenza sicuramente più diffusa é l’abete per una buona resistenza nel tempo ed un prezzo conveniente, ma possono essere usate anche altre essenze come pino e larice, per la loro maggiore resistenza.

 

Costruzione e posa in opera

La prima attività da affrontare riguarda la superficie dove si andrà a collocare la casetta di legno, tale superficie dovrà essere adeguatamente livellata utilizzando anche sabbia e ghiaia o altri materiali inerti sui quali potranno essere posate delle piastre di calcestruzzo per realizzare la superficie di appoggio. Nel caso di una casetta di legno di maggiori dimensioni, sarà il caso di considerare la realizzazione di una fondamenta in calcestruzzo che garantirà sicura stabilità. L’avvio della costruzione della casetta di legno avverrà naturalmente partendo dal pavimento con la posa dei travetti di sostegno che rappresentano lo scheletro della casetta e sui quali solitamente si stendono pannelli di almeno 1 cm di spessore. Realizzato il pavimento si potrà procedere ad innalzare i travetti anche lungo il perimetro per realizzare il telaio delle pareti. Una volta stabilizzato tale scheletro, anche con l’aiuto di puntelli di sostegno, si potrà iniziare a fissare le tavole ai travetti e realizzare quindi le pareti. Laddove sia richiesto anche un isolamento termico, le pareti potranno essere realizzate con una struttura a sandwich, quindi una intercapedine in cui inserire materiale isolante. L’ultima fase riguarderà naturalmente la posa in opera del tetto, dove l’utilizzo di una guaina bituminosa garantirà protezione dagli agenti atmosferici. Gli ultimi passaggi riguarderanno poi fissaggio della porta e delle eventuali finestre o di pluviali in pvc od altro materiale per lo scolo delle acque piovane. Semplici canaline in plastica fissate al legno con apposite staffe, saranno invece richieste per il passaggio di cavi qualora siano previsti dei punti luce o delle prese elettriche.

 

Manutenzione

Sebbene il materiale utilizzato abbia già subito un trattamento di protezione, non si deve dimenticare che il legno è un materiale vivo e le sue condizioni sono mutabili nel tempo anche in relazione alla condizioni ambientali. Indispensabile quindi prevedere una periodica manutenzione della casetta in legno con la stesura, da effettuarsi durante la bella stagione, di apposite vernici protettive ed impregnanti disponibili in differenti tonalità, avendo cura, prima dell’applicazione, di carteggiare e pulire le zone scrostate o rovinate.