Come scrivere un cv in inglese in maniera corretta   Recently updated !


Si ha l’opportunità di andare all’estero a lavorare? Benissimo, meglio cogliere al volo ogni offerta e provare a candidarsi. Attenzione, però: redigere un curricula in lingua inglese non sempre è facile. Sapere la lingua è un requisito importante anche per ottenere l’impiego, ma gli italiani commettono spesso degli errori inconsapevoli che possono costare il posto. Risultato: persone meno qualificate ottengono l’impiego. E’ fondamentale sapere come scrivere un cv in lingua anglofona per evitare queste ingiustizie. Prima cosa da tenere a mente, il modello Europass nostrano non è neanche considerato in UK. I paesi anglosassoni non amano perdere tempo in chiacchiere, vogliono andare subito al nocciolo della questione: il modello europeo contiene troppi dettagli superflui. Per questo è bene seguire uno schema di CV in inglese del tutto differente. Il CV inglese vincente deve contenere i dati personali, una breve presentazione personale, le esperienze lavorative, istruzione, abilità, competenze, hobby e referenze.

 

Come scrivere un cv in inglese, cose da sapere

Alcune dritte per redigere un curriculum inglese perfetto. E’ bene sapere una cosa: nel Regno Unito è difficile trovare lavoro se non si ha almeno il domicilio lì o non si è sul posto. Meglio quindi cercare di raggiungere la meta (magari un amico già sul posto può cedere il suo divano) e iniziare a spedire CV in continuazione. Nella sezione dei dati personali si può mettere il domicilio il luogo dove si alloggia. E’ fondamentale comprare una SIM inglese e porre sul CV quel numero. E’ la cosa migliore per dare l’aria di essere rintracciabili anche in Italia. Nello scrivere il CV, non bisogna dilungarsi con la presentazione professionale: basta collegare l’abilità principale al lavoro per cui si è interessati. Per quanto riguarda un CV inglese, nei paragrafi dell’esperienza lavorativa e dell’istruzione si devono elencare i titoli di studio e le esperienze di lavoro in odine cronologico inverso. Descrizioni brevi, solo quali erano le responsabilità e i risultati raggiunti. Sincerità, perché nel colloquio salirà tutto a galla e chi mente non è ben visto.

Per quanto riguarda la sezione delle competenze, meglio elencare quelle che si possono provare. Abilità nelle lingue, informatiche e artistiche sono ben accette, meno quelle comunicative. Cosa importantissima da scrivere nel curricula inglese alla voce hobby, le attività di volontariato. I paesi anglosassoni vedono di buon occhio chi si dedica o si è dedicato in passato a queste attività. Il curriculum vitae inglese ha una sezione importantissima: le referenze. Nei paesi anglosassoni sono la prova tangibile dell’operato del candidato. Per questioni di privacy, mai scrivere recapiti e nominativi. Piuttosto si può indicare che gli ex manager sono disponibili su richiesta a fornire le referenze. Con questi trucchetti, redigere un curricula in inglese e ottenere un colloquio sarà una passeggiata!