Come ricreare il bagno turco in casa


Il fascino del bagno turco

Il bagno turco, o Hammam, occupa un posto particolare nell’immaginario collettivo, richiamando alla mente suggestive scene animate da figure per lo più nude sdraiate sopra gloriose lastre di marmo.
Anche se nulla può sostituirsi all’esperienza reale, è possibile ricreare elementi di questo importante rito nella propria dimora, installando un bagno turco in casa.
L’hammam era uno dei pochi luoghi in cui le donne turche potevano riunirsi al di fuori della casa per scambiarsi pettegolezzi e selezionare le future nuore, mentre per gli uomini costituiva un ambiente sociale determinante per le macchinazioni politiche e i rapporti d’affari.
Il processo coinvolto nell’hammam è simile a quello della sauna, ma è più strettamente legato alle pratiche degli antichi greci e romani.

In cosa consiste il bagno turco

Il bagno turco, che raggiunge temperature di 40-50°C con un’umidità compresa tra il 90 e il 100%, consta di diversi passaggi che iniziano sostando almeno un quarto d’ora nell’harara, una stanza riscaldata da un flusso continuo di aria molto calda. Il bagnante può poi passare ad una sala tiepida dove sosta per pochi minuti prima di immergersi in acqua fredda e successivamente ricevere un massaggio rilassante.
Oltre ad avere una funzione estetica, l’hammam ritempra lo spirito e vanta numerose proprietà curative ripetibili anche nel bagno turco in casa. Il primo beneficio è quello di liberare i pori dalle impurità e di favorire l’eliminazione delle cellule morte, promuovendo la rigenerazione cutanea. La stimolazione della circolazione sanguigna, dovuta all’alternanza caldo-freddo e al massaggio, contribuisce a donare un colorito sano. Altri vantaggi del bagno turco sono il rilassamento muscolare, il sollievo dal dolore e i benefici respiratori.

Il bagno turco in casa

È possibile ricreare la benefica esperienza del bagno turco anche a casa trasformando uno spazio della propria abitazione in una sorta di spa domestica.
Che si scelga di acquistare una cabina prefabbricata, un sistema da integrare nel box doccia o un generatore di vapore, sono necessari alcuni accorgimenti. Occorre, ad esempio, verificare la portata elettrica e l’altezza delle mura, che non dovrebbero oltrepassare i 2,30 metri per evitare un eccessivo dispendio energetico. Pareti e pavimenti impermeabilizzati sono ulteriori requisiti necessari per poter realizzare il bagno turco in casa.
Chi ha la fortuna di disporre di molto spazio, può realizzare un hammam adatto ad accogliere più persone; in questo caso servirà però più energia affinché la generazione del calore e dell’umidità sia adeguata.
Dopo aver verificato la fattibilità del progetto, si passa alla scelta degli accessori indispensabili, come la seduta, e di quelli secondari, come le luci per la cromoterapia, che permettono di ricreare un’esperienza personalizzata del bagno turco in casa.