Come fare una analisi SEO dei competitor


L’analisi SEO del sito di uno o più competitor è un aspetto molto importante di qualsiasi campagna SEO, e sottovalutarlo significa perdere a priori l’opportunità di comprendere in maniera ancora più precisa quali dovrebbero essere i nostri obiettivi. Essa fornisce infatti informazioni importanti sulle tattiche che funzionano maggiormente nel settore di riferimento e come comportarci al fine di migliorare il nostro posizionamento sui motori di ricerca per le parole chiave desiderate. Le informazioni ottenute da questa analisi ci aiuteranno a capire a quali aspetti dovremo dare priorità nell’ottimizzazione del nostro sito e, intuendo dove i nostri competitor siano più forti o più deboli, potremo determinare quanto sia difficile superarli e la quantità di risorse necessarie per poterci riuscire.


Come fare crescere sito web agenzie SEO


Identificazione dei competitor

La prima cosa da fare è ovviamente quella di individuare i nostri competitor diretti: per far ciò è sufficiente inserire su Google (avendo accortezza di utilizzare la finestra di navigazione in modalità “Anonima”, così da non influenzare i risultati) la parola chiave principale per la quale desideriamo posizionarci. Possiamo dunque identificare quali nostri competitor i primi 6/7 siti mostrati sui risultati di ricerca, o in alternativa possiamo utilizzare diversi strumenti online che fanno questa operazione di identificazione al posto nostro, tra questi SEMrush.

 

Analisi profilo backlink

Per ciascun sito andremo quindi a verificare il numero di backlink in ingresso e la qualità degli stessi (Ahref è un ottimo strumento a tal proposito), così da capire esattamente qual è il gap tra il nostro sito ed i concorrenti in fatto di link ingresso, e quali tra questi sono veramente in grado di fare la differenza in termini di ranking. Dall’analisi di questi risultati sarà possibile iniziare a pianificare una campagna di backlink mirata all’ottenimento di nuovi link da parte di siti autorevoli ed in grado di rappresentare un reale valore per il nostro sito, colmando così il gap dai concorrenti che al momento vantano un profilo backlink migliore.

 

Analisi parole chiave

Comprendere con precisione per quali e quante parole chiave i tuoi competitor riescono ad ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca ti consentirà di comprendere meglio su quali keyword è bene cercare di “spingere” e quali invece mettere in secondo piano, e anche in questo caso puoi aiutarli con strumenti online quali Moz, SEMrush e Ahref. Al termine dell’analisi avrai a disposizione un ottimo punto di partenza per andare a creare nuovi contenuti che siano ben ottimizzati per le nuove parole chiave individuate, approfondendo gli argomenti trattati e rappresentando un reale valore per gli utenti.

 

Analisi Social Network

Altro fattore importante e spesso sottovalutato, è quello relativo ai canali social. I social network infatti, in virtù della enorme quantità di condivisioni, commenti e like che sono in grado di generare, rappresentano un formidabile strumento in grado di rendere il tuo brand maggiormente riconoscibile. È molto importante per questo studiare come i tuoi competitor si muovono sui canali social e quali strategie d’interazione hanno deciso di portare avanti, considerando che se queste si rivelano vincenti sono in grado di generare un gran numero di visite al tuo sito web e quindi interesse per i prodotti o servizi che offri.

Analizzare il sito dei tuoi competitor al fine di poter colmare il gap che al momento vi divide è dunque una pratica che non andrebbe mai sottovalutata nel momento in cui si va a pianificare una strategia SEO. È una fase dell’intero processo in grado di facilitare la creazione di campagne SEO maggiormente efficaci e basate su dati accessibili e concreti, consentendoti di colmare rapidamente la distanza che al momento vi divide sul mercato.

Questo articolo è offerto da www.egidioimbrogno.it, consulente SEO Freelance e siti internet Varese (https://egidioimbrogno.it/realizzazione-siti-web-varese/)