Come disintossicarsi dall’eroina


Come disintossicarsi dall'eroinaNel corso degli ultimi anni, le richieste di informazioni su come disintossicarsi dall’eroina sono sempre di più perché stiamo attraversando un periodo veramente problematico, caratterizzato dal dilagare di casi di tossicodipendenza sempre nuovi, che vedono protagoniste persone appartenenti ad entrambi i sessi, di tutte le età e di qualsiasi categoria sociale.

La figura del tossicodipendente da eroina, infatti, è profondamente cambiata perché la persona che fa uso di questa droga non è più semplicemente quella che vive di stenti, in una condizione di estrema emarginazione sociale. La situazione è radicalmente diversa e il tossicodipendente è sempre più spesso una persona perfettamente integrata nella società, che ha un lavoro, una famiglia e conduce una vita apparentemente normale, a tal punto da non essere riconoscibile.

Ma oltre all’incredibile diffusione di questa droga, le difficoltà legate al comprendere come disintossicarsi dall’eroina hanno a che fare anche col grande carenza di informazioni che, tutt’oggi, ruota intorno all’uso di questa droga, che viene “pubblicizzata” come una sostanza che non necessariamente debba portare all’insorgere di una tossicodipendenza, soprattutto se non viene assunta nella maniera tradizionale, ovvero per via iniettiva.




Tutto ciò, però è assolutamente falso perchè l’eroina, a prescindere dalla modalità con cui venga assunta, porta una persona a sviluppare una rapida e forte dipendenza sia fisica che psicologica, caratterizzata da un fortissimo craving (desiderio ossessivo) e da tutta una serie di comportamenti, finalizzati ad un solo obiettivo: avere sempre a disposizione la propria dose di eroina.

Tutto questo, però, non è qualcosa che capita all’improvviso, ma si tratta di un lento e graduale percorso che fa giungere la persona ad iniziare a fare uso di droga, fino a non poterne più fare a meno.

Questo perchè alla base dell’uso di eroina (come di qualunque altra droga) c’è il tentativo di una persona di cercare una soluzione ad una ben precisa condizione di disagio che le sta impedendo di condurre un’esistenza serena e tranquilla, a tal punto da non riuscire a dedicarsi a nient’altro se non al modo per poter tornare a stare nuovamente bene.

Nel corso di questa ricerca, la persona può venire a contatto con la droga e sperimentare l’aspetto peggiore di questo tipo di sostanze, ovvero la capacità di far percepire un certo senso di “benessere“, grazie al quale la persona può mettere da parte ogni tipo di preoccupazione e non pensare a tutto ciò che la fa stare male.

A partire da quel momento, la droga assumerà il ruolo di “soluzione” e la persona comincerà a farne uso ogni volta in cui si dovesse ritrovare ad affrontare un momento di particolare disagio, dando il via a quella che diventerà una vera e propria dipendenza.

Il Centro di Recupero per Tossicodipendenti Narconon Il Gabbiano conosce questo tipo di meccanismo e sa come disintossicarsi dall’eroina non significhi solamente riuscire a smettere di farne uso, ma vuol dire consentire ad una persona di eliminare questa droga da ogni singolo aspetto della sua vita, al fine di renderle quella libertà che sta, giorno dopo giorno, perdendo.

Per fare ciò, consegna un completo programma di disintossicazione e riabilitazione dalla dipendenza da eroina che, senza ricorrere a farmaci, psicofarmaci o sostitutivi, consente di risolvere tutti gli aspetti, fisici e psicologici, legati a questo tipo di dipendenza e superare tutti i principali ostacoli che, solitamente, impediscono un efficace recupero dalla tossicodipendenza.

In questo modo, migliaia di persone sono riuscite a smettere di usare eroina, a riprendere il pieno controllo della propria vita e a porre le basi per un futuro del tutto differente, rivolto verso il conseguimento di nuovi obiettivi.

Per ulteriori informazioni visita il sito www.eroina.org oppure chiama il Numero Verde Gratuito 800 178 796 – Attivo 24 ore su 24 – 7 giorni su 7