Colonnina per la ricarica elettrica: definizione ed evoluzione

Una colonnina per la ricarica elettrica dei mezzi di trasporto, quali veicoli elettrici personali e di quartiere, veicoli ibridi, è un’apparecchiatura che collega un veicolo elettrico a una fonte di energia elettrica per permettere la ricarica della batteria che rende possibile il funzionamento del motore con l’uso di energie da fonti rinnovabili. Alcune stazioni di ricarica hanno funzionalità avanzate rispetto ai modelli standard, come la misurazione intelligente, una più alta capacità delle celle della batteria e la connettività di rete in prossimità della stazione di ricarica.

Colonnina per la ricarica elettrica: definizione ed evoluzione
Colonnina per la ricarica elettrica: definizione ed evoluzione

Le stazioni di ricarica per auto elettriche sono anche denominate apparecchiature per l’alimentazione dei veicoli elettrici (EVSE – dall’inglese “Electric Vehicle Supply Equipment”) e sono fornite nei parcheggi comunali da società di servizi elettrici o da società private presso centri commerciali di vendita al dettaglio. Queste stazioni forniscono connettori speciali conformi alla varietà degli standard dei connettori di ricarica elettrica.

Le tariffe per l’utilizzo di colonnine auto elettriche variano da tariffe ad abbonamenti mensili o annuali a tariffe su base di kW/h. Le stazioni di ricarica possono anche essere gratuite e non di rado sono sovvenzionate dal governo locale.

Tipi di colonnine di ricarica elettrica

Esistono diversi tipi di stazioni di ricarica le quali forniscono diverse velocità di ricarica. 

  • Le stazioni di ricarica di livello 1 utilizzano una presa da 120 volt alternata a corrente alternata (CA) e richiedono un circuito dedicato, che offre al veicolo circa 5 miglia di autonomia per ogni ora di ricarica. 
  • Le stazioni di livello 2 si ricaricano tramite una presa CA da 240 V e richiedono l’installazione a casa o l’impianto di ricarica pubblica. Le stazioni di livello 2 forniscono da 10 a 20 miglia di autonomia per ogni ora di ricarica. I caricabatterie di livello 2 sono i più comuni e si caricano all’incirca alla stessa velocità di un sistema domestico.
  • I caricabatterie di livello 3 sono anche noti come caricabatterie veloci DC. Il livello 3 utilizza una spina a corrente continua (CC) da 480 V. Bypassano il caricatore di bordo e forniscono l’elettricità in corrente continua alla batteria tramite una porta di ricarica speciale. I caricabatterie rapidi forniscono fino a 40 miglia di autonomia ogni 10 minuti di ricarica, ma non sono compatibili con tutti i veicoli. Inoltre, alcune stazioni di ricarica di marca sono progettate per una ricarica significativamente più rapida.

A domanda in aumento, risponde la velocità di ricarica e la quantità di stazioni

Con l’aumento della domanda di ulteriori stazioni di ricarica accessibili al pubblico, è necessario un maggior numero di apparecchiature che supportano una ricarica più rapida a tensioni e correnti superiori che non sono attualmente disponibili presso le stazioni residenziali. A livello globale, il numero di reti a supporto dei veicoli elettrici è in aumento, al fine di fornire un sistema di stazioni di ricarica accessibili al pubblico facilmente per effettuare la ricarica di veicoli elettrici privati dovunque. Governi, case automobilistiche e fornitori di infrastrutture hanno stipulato accordi per creare queste reti. Le case automobilistiche, infatti, e i responsabili delle politiche di tutto il mondo si stanno preparando per l’esplosione definitiva del mercato dei veicoli elettrici. Toyota, Volvo, VW, BMW, Mercedes e altri marchi fissano ambiziosi obiettivi di vendita e investono somme importanti. La Norvegia,i Paesi Bassi, la Francia, il Regno Unito e la Cina stanno parlando di un ritiro progressivo delle vendite di veicoli classici e l’Italia, con non poca difficoltà, si sta facendo lentamente strada verso il futuro elettrico.

Lascia un commento