Cartucce ricaricate o compatibili per stampanti Epson


Differenze tra cartucce ricaricate e compatibili per le stampanti Epson

Le stampanti Epson sono state le prime ad affermarsi sulla piazza delle periferiche per computer e durante gli anni hanno consolidato il mercato con prodotti sempre all’avanguardia. Le epson cartucce non originali si sono diffuse ben presto, così come le ricariche cartucce epson. Inizialmente i prezzi delle cartucce originali erano altissimi ed è per questo che sono nate velocemente delle aziende di consumabili alternativi. Con il passare degli anni si sono diffusi i kit di ricarica e le cartucce ricaricate o rigenerate, e le persone hanno iniziato ad acquistare gli inchiostri per riempirsi le cartucce vuote. Chi non ha voglia di provvedere a questa operazione, può acquistare le cartucce ricaricate, che sono diverse da quelle compatibili per vari motivi. Quale tipologia sia migliore per la propria stampante è difficile dirlo, anche se il marchio Epson è tra quelli che creano meno problemi con le cartucce epson non originali. A volte può avvenire il blocco della stampa perché il software della macchina non riconosce il chip originale e interrompe il processo per non danneggiare le testine.

Da questo punto di vista sono preferibili le ricariche cartucce epson, perché l’unica cosa che cambia è il contenuto, che da vuoto viene nuovamente riempito di inchiostro. Il processo di rigenerazione viene fatto su cartucce originali ed anche gli inchiostri dovrebbero identici alla marca originale, le epson cartucce non originali non hanno questa caratteristica perché anche l’involucro è nuovo. Non tutti i produttori di cartucce ricaricate rispettano questo standard, quindi è sempre meglio orientarsi verso marchi conosciuti, che ormai abbondano nel mercato dei consumabili da stampa. La cartuccia compatibile dovrebbe essere identica all’originale, ma a seconda della marca di stampante è più sicuro e conveniente scegliere quelle ricaricate. Nel caso della Epson, vanno bene entrambi i tipi e non c’è nessun rischio che gli inchiostri non originali rovinino le testine di stampa.

I rivenditori di cartucce seri dovrebbero rispettare gli standard e commercializzare solamente prodotti di qualità, che siano cartucce rigenerate o compatibili. Per chi ha bisogno di stampare documenti e immagini la differenza tra inchiostro originale e compatibile praticamente non si vede; i puristi della fotografia sono sempre stati un po’ scettici, ma negli ultimi anni la qualità degli inchiostri è migliorata notevolmente e si può acquistare un prodotto non originale senza problemi. Chi è attento all’ambiente e al riciclo dei rifiuti è sicuramente dalla parte delle cartucce ricaricate, perché lo smaltimento di certi prodotti non è semplice e crea inquinamento. L’unico modo per sapere se è meglio una cartuccia rigenerata o compatibile per la propria stampante Epson è quello di provare; i costi sono talmente bassi che acquistare qualche pacchetto di epson cartucce non originali, darà modo di testare la marca migliore. Allo stesso modo, le ricariche cartucce epson sono talmente economiche che si possono provare diversi produttori per trovare quello adatto al modello di stampante.