Brexit, la battaglia tra Bruxelles e Londra è come quella tra euro e sterlina


La battaglia tra Bruxelles e Londra riguardo la Brexit si sta spostando anche sul rapporto tra euro e sterlina. Nel mercato valutario è in atto un braccio di ferro dall’esito molto incerto. C’è chi pensa che si vada verso la parità, chi invece ritiene che i timori connessi alla Brexit sono eccessivi e che la sterlina riprenderà vigore. Di sicuro tra Bruxelles e Londra è in atto uno scontro che andrà crescendo di tono, a mano a mano che entreremo nella fase clou delle trattative per l’uscita britannica dalla UE. La sconfitta elettorale della May non ha fatto altro che aumentare le incertezze.

La battaglia sulla Brexit

Come abbiamo detto, questa battaglia si sposta anche sul mercato valutario. Nel corso del mese di giugno c’è stata grossa tensione attorno quota 0,88. Più volte la valuta unica è salita fino a questa quota, ma poi ha finito per rimbalzare. Molti di quelli che hanno messo questo cross come fulcro delle loro opzioni binarie 60 secondi strategia, hanno fatto buoni affari con i continui pullback su questa area. Ovviamente il discorso inverso riguarda coloro che puntavano alla rottura della trendline.

Anche nell’ultimi settimana la coppia è andata su è giù, sbattendo su 0,88. Dal punto di vista tecnico qualche pausa della corsa non dà motivo di preoccupazione ai trader. Un vero campanello ‘allarme potrebbe scattare se scendessimo sotto area 0,86. Questo significherebbe mettere in conto possibili flessioni in direzione di area 0,8520/0,855, supporto orizzontale di breve termine e punto di passaggio della media mobile a 100 giorni. Solo a quel punto i migliori segnali di trading gratis sicuri potrebbero iniziare a suggerire un ribasso.

Guardando la situazione sotto il profilo contrario, se dovessimo rompere la resistenza posta a 0,88, allora se ne ricaverebbe un segnale di forza notevole da parte dell’euro. In questo caso le quotazioni potrebbero avere un ulteriore slancio verso il rialzo. E forse potrebbero avere una inclinazione ancora più ripida, mettendo nel mirino obiettivi a 0,905.