Aria compressa: tutto quel che c’è da sapere sugli essiccatori refrigerati

Sono diversi i metodi che possono essere utilizzati per rimuovere il contenuto di umidità dall’aria compressa, con l’obiettivo di mantenere un alto livello di qualità dell’aria all’interno degli impianti di produzione. Uno dei modi più comuni ed utilizzati per asciugare l’aria è attraverso l’utilizzo di un particolare essiccatore refrigerato, che può essere classificato come essiccatore a velocità variabile (o non ciclico).


Aria compressa: tutto quel che c’è da sapere sugli essiccatori refrigerati
Aria compressa: tutto quel che c’è da sapere sugli essiccatori refrigerati

Come funzionano gli essiccatori refrigerati?

Questi essiccatori funzionano in maniera molto simile ai frigoriferi domestici o agli impianti di condizionamento che si trovano nelle case, in cui l’aria compressa viene raffreddata in uno scambiatore a 35 °F e l’umidità condensata viene scaricata. Uno degli scambiatori viene anche utilizzato per preraffreddare l’aria in ingresso e riscaldare nuovamente l’aria in uscita mentre abbandona l’essiccatore.

Essiccatori refrigerati a velocità variabile

Dato che la maggior parte dei sistemi di aria compressa non funzionano in condizioni di flusso e temperatura statiche, la refrigerazione a velocità variabile viene così utilizzata per controllare il compressore del refrigerante durante la riduzione dei carichi e le condizioni di temperatura più basse. La capacità di far corrispondere il consumo di energia dell’essiccatore alla domanda di aria contribuisce a ottenere risparmi significativi sui costi operativi di gestione.

In un essiccatore non ciclico, il compressore del refrigerante funziona costantemente e continuamente. Dato che la temperatura ambiente e il flusso dell’aria compressa variano in continuazione, una piccola valvola di bypass viene spesso utilizzata per regolare la temperatura del refrigerante e impedire così il congelamento delle condizioni operative all’interno del sistema.

Quali quindi i vantaggi degli essiccatori refrigerati a velocità variabile?

  • Basso costo iniziale di capitale
  • Costi operativi relativamente bassi
  • Bassi costi di manutenzione

Se sei interessato ad approfondire la questione degli essiccatori refrigerati e della tecnologia ad aria compressa, puoi scaricare il Manuale dell’aria compressa oppure contattare un concessionario Atlas Copco per ulteriori domande.