Amos Genish, la rete TIM raccontata in un nuovo sito

TIM lancia un nuovo sito con tuttei le informazioni su copertura e utilizzo della rete a livello regionale e provinciale: per l’AD Amos Genish questi dati costituiscono “un patrimonio che deve essere messo a disposizione di tutti, istituzioni, imprese e cittadini”.


Amos Genish, la rete TIM raccontata in un nuovo sito
Amos Genish, la rete TIM raccontata in un nuovo sito

Amos Genish: la rete TIM non ha più segreti, online tutti i dati su traffico e copertura

È un progetto a cui l’AD Amos Genish tiene particolarmente: con il nuovo sito rete.gruppotim.it, TIM si prepara a lanciare la prima enciclopedia della rete, con un patrimonio di conoscenza, sapere e tecnologia tutto italiano. Oltre 7.000 dati e 107 mappe per svelare la condizione di copertura delle reti ADSL, fibra e 4G in ogni regione e provincia: più di 16 milioni di chilometri di fibra attualmente posati sul territorio nazionale, con un’estensione pari a 41 volte la distanza Terra-Luna, circa 400 volte la circonferenza del nostro pianeta. Nella sezione “Dati e mappe” si può verificare la copertura ADSL, fibra, 4G e 4G Plus e i volumi di traffico Internet da rete fissa negli ultimi quattro anni: le info sono aggiornate al 2017. Sarà anche possibile scaricarli in modalità “open data” nella sezione “Download” dove si trova anche il “Netbook” in formato pdf. “La connettività rappresenta il sistema nervoso della società in cui viviamo – si legge sul sito in una lettera firmata dall’AD Amos Genish – Pertanto i dati sullo sviluppo e l’utilizzo delle reti rappresentano un patrimonio che deve essere messo a disposizione di tutti i soggetti interessati: istituzioni nazionali e locali, piccole e grandi imprese, operatori di telecomunicazioni e in generale di tutti i cittadini”.

Amos Genish: la lettera di presentazione del sito TIM dedicato alla rete

“Lo sviluppo delle reti non si ferma mai: tre anni fa le famiglie raggiunte da servizi a banda ultralarga erano solo il 28%, mentre oggi questo valore supera il 78%” spiega Amos Genish nella lettera in cui presenta il nuovo sito del gruppo dedicato alla rete. Per individuare best practices e definire le soluzioni più efficaci da adottare in uno specifico contesto geografico, secondo l’AD è importante avere a disposizione dati e indicatori a livello locale, dal momento che quelli raccolti su scala nazionale non sarebbero sufficienti. “Le reti di telecomunicazioni sono parte di quello che siamo e di quello che facciamo – aggiunge l’AD di TIM, ricordando che negli ultimi tre anni sono stati investiti oltre nove miliardi di euro per migliorarne prestazioni e capillarità – Non sfruttare al massimo il loro potenziale significherebbe venire meno ad un impegno, ad un dovere che abbiamo non solo nei confronti di noi stessi ma anche nei confronti delle persone da cui le abbiamo ereditate”. Amos Genish sottolinea come mostrare e raccontare l’evoluzione delle reti aumenti il valore di un asset che è un patrimonio del nostro Paese: “Questa è DigiTIM, un’azienda tecnologica, trasparente e affidabile, attenta ai bisogni dei suoi clienti, che si assume la responsabilità di guidare la digitalizzazione italiana”.