Alternatore auto: cos’è e come capire se funziona correttamente


Impiegato nella produzione dell’energia necessaria al veicolo, l’alternatore auto può causare problemi elettrici. Ecco come capire se funziona

È bene fare subito chiarezza: l’alternatore auto non va confuso con la batteria. Entrambi permettono al veicolo di svolgere tutte le sue funzioni elettriche: accensione del motore, dei fari, della radio, delle luci interne. Ci sono però delle differenze sostanziali tra i due elementi.

L’alternatore auto produce l’energia necessaria al veicolo per svolgere le sue funzioni e per assicurare una guida confortevole. La batteria, invece, accumula l’energia prodotta dall’alternatore e la utilizza per tutti i servizi che avvengono a vettura ferma, compreso l’avviamento del motore.



I due elementi del veicolo sono strettamente collegati e hanno bisogno l’uno dell’altro per funzionare correttamente. In fase di accensione del motore, l’alternatore necessita dell’energia accumulata dalla batteria per avviarsi.

Vi sarà capitato qualche volta di girare la chiave senza riuscire ad accendere la macchina? In questi casi siamo portati a pensare che il problema sia dovuto alla batteria. In realtà è l’alternatore a non funzionare. Ciò non toglie che la batteria vada controllata di frequente.

Come verificare se l’alternatore auto funziona?

Per capire in modo semplice e immediato se ci sono problemi, occorre prestare attenzione ai rumori provenienti dal vano motore o dalle casse dell’impianto stereo: questi disturbi potrebbero essere collegati proprio all’alternatore auto.

Qualora questa prima verifica confermi il sospetto di un guasto all’impianto, meglio passare a metodi più accurati. Tra questi, un buon modo per vedere se ci sono problemi è controllare il valore della tensione con l’indicatore presente sul quadro dell’auto (non tutte le vetture ne sono dotate). Se l’auto ne è provvista, si procedere in questo modo:

  1. puntare il motore sui 2000 giri
  2. accendere qualsiasi elemento dell’auto alimentato a corrente elettrica (luci, stereo, fari)
  3. leggere il valore della tensione: se diminuisce significa che l’alternatore non funziona come dovrebbe

Un metodo ancora più preciso e utile, soprattutto se l’auto non è munita di indicatore, consiste nell’usare un apparecchio chiamato voltmetro: questo strumento fornisce diversi valori riferiti al veicolo, tra cui la tensione. Con i dispositivi elettrici accesi e il motore a 2000 giri, il voltaggio registrato dallo strumento deve essere maggiore di 13 volt. In caso contrario, l’alternatore quto non funziona e non può produrre l’energia che serve alla batteria per garantire le funzioni del veicolo.

Queste piccole verifiche possono essere fatte autonomamente. Tuttavia, il metodo più sicuro rimane comunque quello di rivolgersi al proprio meccanico di fiducia, il quale possiede le attrezzature  utili a comprendere con precisione la natura del guasto.

Se non sai a chi rivolgerti, richiedi il servizio di assistenza professionale su ermesautoricambi.it. Sul sito puoi anche acquistare l’alternatore auto specifico per il tuo veicolo: basta inserire la marca e il modello e il sistema ti propone la soluzione che fa al caso tuo.