Acqua pura e filtrata: ecco dei dispositivi che mostrano come alcalinizzare l’acqua


Nel corso del tempo si è fatta sempre più attenzione a ciò che si introduce nel proprio corpo, sia che si tratti di cibo che di bevande. Le persone desiderano seguire una dieta il più possibile salutare, informandosi sugli ingredienti di cui sono composti gli alimenti al fine di evitare quelli con all’interno sostanze che nel corso del tempo possono causare loro problemi di salute di varia natura e gravità.

Proprio grazie a quest’ondata di salutismo, anche l’acqua, che di per sé già è una bevanda sana, non è potuta sfuggire all’esame attento di chi pretende che sia depurata al massimo. Così hanno cominciato a comparire nelle case caraffe filtranti, filtri per i rubinetti delle cucine, thermos con filtri integrati e altri filtri domestici per l’acqua il cui scopo è quello di depurare l’acqua di rubinetto da tutte quelle impurità che si accumulano all’interno delle tubature e, nondimeno, di migliorarne anche il gusto. L’utilizzo di filtri per l’acqua domestica, inoltre, è anche una scelta di natura ecologica, dal momento che permette di risparmiare sulle bottiglie in plastica o in vetro che altrimenti si comprerebbero al supermercato.

Sulla scia di questa attenzione nei confronti della purezza dell’acqua si trovano anche degli altri prodotti, ovvero i cosiddetti ionizzatori per l’acqua, che servono a filtrare, alcalinizzare e ionizzare l’acqua conferendole ioni negativi e idrogeno molecolare; quest’ultimo è un potente antiossidante che impedisce il formarsi di radicali liberi all’interno dell’organismo, il tutto mantenendo sotto controllo i valori del Ph. Ciò è possibile perché si è scoperto che l’idrogeno può fungere da antiossidante naturale. Andiamo a scoprire di che cosa si tratta nello specifico. Innanzi tutto l’acqua si definisce alcalina quando il suo Ph è superiore a 7, perciò quando c’è una concentrazione minore di ioni H+ liberi.





Gli ionizzatori per l’acqua sono dei dispositivi elettrici che producono acqua acida o alcalina, dotati di una cellula elettrolitica a elettrodi, o, meglio ancora se a elettrodo circolare come quella brevettata da Winland Srl, azienda italiana con una lunga e consolidata esperienza sull’alcalinizzazione dell’acqua, e i cui modelli di ionizzatori si possono vedere sul sito ufficiale, ovvero Kationic.com.

L’acqua filtrata da uno ionizzatore d’acqua domestico risulta molto leggera, con un residuo fisso basso e un sapore alquanto piacevole, proprio per questi motivi viene bevuta da molti atleti e sportivi in generale. Chi possiede un filtro a osmosi inversa può abbinarlo ad uno ionizzatore, al fine di ottenere un’acqua al massimo della sua purezza. Si tratta di un’acqua che porta numerosi benefici , perché è antiossidante e gonfia di meno rispetto all’acqua naturale che siamo soliti bere, inoltre risulta efficace contro l’osteoporosi, le malattie infettive, i calcoli renali, l’ipertensione e via dicendo. I suoi poteri non sono solo antiossidanti, ma anche antibatterici, disinfettanti e antinfiammatori.

L’efficacia di tale acqua è stata dimostrata da molteplici studi condotti da specialisti di tutto il mondo, e proprio per questo sempre più persone ne fanno un uso quotidiano, specie in ambito sportivo, nel nome della cura e del benessere del proprio corpo.

Articolo a cura di Sara Mazzucato

Prima Posizione Srl