A Maggio entrerà in vigore la direttiva europea sui tabacchi


A Maggio del 2017 verrà applicata in Italia la direttiva europea sui tabacchi denominata Tpd. Gli svapatori dovranno seguire nuove normative e non potranno più utilizzare bottigliette con liquidi da 100 millilitri o bottiglie da un litro a base di nicotina per le proprie sigarette elettroniche. Difatti, i liquidi alla nicotina potranno essere commercializzati in confezioni non maggiori di 10 millilitri. Non esiste nessuna variazione per i liquidi e gli aromi senza nicotina. Pertanto, sarà più difficoltoso prepararsi i liquidi in casa dovendo comprare flaconi di liquidi alla nicotina di piccole dimensioni.

Le imprese devono già seguire le direttive della Tpd, che stabiliscono l’obbligo di notificare tutti gli articoli messi in commercio. Molte imprese stanno già seguendo le nuove norme, alcune sono in procinto di attuare la direttive, mentre altre hanno deciso di ritirarsi dal mercato. La situazione sarà più chiara a Maggio quando le norme non saranno più derogabili. I liquidi contenenti nicotina fabbricati fuori dall’Unione europea devono essere notificati dall’azienda importatrice. I commercianti potranno continuare a commercializzare i liquidi non contenenti nicotina fino a Maggio del 2017, purchè siano stati fabbricati prima del Novembre 2016.

Gli articoli fabbricati dopo il Novembre del 2016 (in base al lotto indicato in etichetta) dovranno essere conformi con la Tpd. Le imprese, potranno rendere nota l’esecuzione della notifica tramite il loro sito internet, senza nessun obbligo preciso.

Con il tempo si saprà se queste regole avranno il risultato sperato, facendo pulizia in un ambito ancora poco chiaro. Per quanto riguarda l’aspetto fiscale, il governo non ha intenzione di prendere in considerazione la rivisitazione della tassa sui liquidi alla nicotina. Nonostante sia stata emanata una sentenza della Corte costituzionale, che ha dichiarato illegittime tutte le tasse emanate fino ad oggi relative sui liquidi alla nicotina. Nel frattempo, si attende la decisione definitiva sulla tassa attualmente in vigore, che riguarda le e-cig.