Trapianto capelli


Il trapianto di capelli oggi è molto diverso dal passato. Una volta infatti prevedeva l’asporto di una striscia di cuoio capelluto che il medico incideva in parti più piccole e ricuciva poi nelle zone da trattare e restava una lunga incisione nella zona donatrice che dava un risultato non molto soddisfacente e ulteriori possibili complicanze.

La cicatrice residua oggi invece con la moderna tecnologia in pratica non c’è più. Il trapianto capelli HSD da un ottimo risultato estetico dall’effetto naturale e molto soddisfacente. In pratica oggi avviene l’asporto di singole unità follicolari dalla zona donatrice che vanno impiantate su quella ricevente e vengono asportate con un micro ago chirurgico. Il   risultato è ottimo e da assenza di cicatrici.

Il dolore post operatorio inoltre oggi è spesso lieve o assente.
La tecnica chirurgica tradizionale portava il paziente a un maggior rischio di complicanze e anche di effetti collaterali.
La HSD ovvero la nuova tecnica micro follicolare oggi invece è poco invasiva e senza dolore e serve per curare tantissimi tipi di calvizie anche dove c’è calvizie limitata e dove prima si sconsigliava magari un trapianto di capelli.

Inoltre con questa tecnica di trapianto capelli si possono anche riparare cicatrici lasciate da pregressi interventi sempre di trapianto capelli.

Con questa tecnica si prelevano le unità follicolari dalla zona donatrice che vengono direttamente impiantate sopra la cicatrice nella zona ricevente.

L’assenza di cicatrici nel trapianto capelli hsd da un risultato ottimale e anche naturale e non c’è la convalescenza dovuta alla guarigione della cicatrice e al taglio che si faceva del cuoio capelluto.

I costi del trapianto capelli con la nuova tecnica variano a seconda del numero di capelli da trapiantare e anche alla tipologia di calvizie da curare.

Per quanto riguarda l’età per sottoporsi a questo tipo di intervento dipende da vari fattori. Ci sono persone che subiscono una perdita di capelli già in giovane età e altri invece quando sono più anziani. Tutto dipende dalla gravità della calvizie e da una valutazione del medico.

Il paziente giovane perderà ancora capelli e quindi in teoria non serve eseguire un intervento di trapianto capelli dato che questi ha la possibilità che il risultato venga vanificato dalla ulteriore perdita di capelli che subirà.

D’altra parte c’è da considerare anche che  il paziente giovane soffre di più il disagio della perdita dei capelli e quindi la decisione spetta al paziente e al chirurgo che  deve tenere in considerazione tutti questi vari fattori, l’età, la condizione della calvizie, il fattore predisponente prima di fare l’intervento e poi agire in conseguenza e con scrupolo.