Toner e cartucce, originali o compatibili?


Una delle spese più consistenti con cui dover fare i conti nella vita da ufficio (e non solo) è relazionata con la manutenzione delle stampanti. Spesso nei negozi di elettronica e negli store online è possibile trovare stampanti laser o a getto d’inchiostro a prezzi piuttosto contenuti ma la fregatura è dietro l’angolo. Infatti, non si tarda molto a scoprire che la durata del toner (per le stampanti laser) o della cartuccia (per le stampanti a getto d’inchiostro) talvolta è piuttosto limitata e che comprare altri toner originali o altre cartucce originali viene a costare l’ira di Dio. Per questa ragione, spesso le aziende (ma anche i consumatori) optano per l’acquisto di un compatible toner (toner compatibile) o di una cartuccia compatibile, a seconda del modello di stampante che stanno utilizzando.

Quali sono i vantaggi derivanti dall’acquisto di una cartuccia compatibile o del compatible toner (toner compatibile)? Salterà subito all’occhio la notevole differenza di prezzo tra questi e i rispettivi cartucce e toner originali, con uno scarto di circa il 50%. Un notevole risparmio, che farebbe gola a chiunque. Tuttavia ci sono degli scettici. Le aziende produttrici di stampanti, naturalmente, mettono in guarda i clienti dall’utilizzo di toner o cartucce non originali, i quali, a loro dire, potrebbero danneggiare le testine delle stampanti o, se non altro, compromettere la qualità delle stampe. E’ un modo per tirare acqua al loro mulino o, in fondo, la differenza di prezzo si fa sentire eccome anche nella qualità dei compatible toner e delle cartucce compatibili? Ci sarà un fondo di verità? Dipende, sarebbe semplicistico fare di tutt’erba un fascio. Ogni situazione andrebbe valutata, procedendo a tentativi e magari informandosi sui forum e/o leggendo i feedback di utenti che già hanno provato quelle cartucce compatibili o quei compatible toner.

In commercio è possibile trovare, oltre al compatible toner (toner compatibile) e alla cartuccia compatibile, altre soluzioni a prezzi irrisori. Si tratta dei toner rigenerati (toner originali esausti e rigenerati tramite particolari processi di rigenerazione) e dei kit di rigenerazione toner fai-da-te per le stampanti laser e dei kit di ricarica della cartuccia (costituiti da contenitori d’inchiostro, a colori e in bianco e nero, e siringhe apposite) per le stampanti inkjet. Bisogna fare attenzione quando non si utilizzano cartucce e toner originali perché, se si danneggiasse la stampante, probabilmente la garanzia non coprirebbe la sua riparazione.

E’ indubbiamente un panorama variegato, in cui primeggiano la corsa al risparmio e al migliore rapporto qualità/prezzo. Al cliente certo non manca la possibilità di scelta. Non essendo tutte le soluzioni, di cui due delle più gettonate sono il compatible toner (toner compatibile) e la cartuccia compatibile, altrettanto valide, occorre essere oculati e valutare i pro e i contro della propria scelta, sia basandosi sulla propria esperienza personale, sia tenendo conto delle esperienze di altri utenti che hanno fatto da “”cavie””, rifiutandosi di acquistare cartucce e toner originali.