Start Cup Fvg – “Notte degli Angeli”: premiati a Udine 24 tra idee d’impresa e startup


I vincitori accederanno ora alla finale di Start Cup FVG prevista a Ottobre a Trieste

Idee, innovazione e imprenditorialità. Questi i tratti che accomunano i 24 progetti, tra idee d’impresa ancora “embrionali” e startup avviate, che sono stati premiati a Udine alla “Notte degli Angeli”, la semifinale di Start Cup FVG, competizione per sostenere la nascita e la crescita di aziende innovative organizzata e promossa da Università degli Studi di Udine, Università degli Studi di Trieste, SISSA – Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste, Gruppo Giovani Imprenditori Confindustria FVG, AREA Science Park, Friuli Innovazione, Innova FVG, Polo Tecnologico di Pordenone, Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone, Fondazione CRTrieste, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Federazione delle Banche di Credito Cooperativo del Friuli Venezia Giulia, Mediocredito FVG, Banca Popolare di Cividale. Supporter del progetto BIC Incubatori FVG, IRCCS CRO di Aviano, i network di Business Angels IAG – Italian Angels for Growth e Custodi di Successo FVG, il Consorzio Friuli Formazione, la Direzione centrale salute, integrazione socio sanitaria, politiche sociali e famiglia e le aziende Acciaierie Bertoli Safau S.p.A., Electrolux Professional e Fincantieri. Partner tecnici iVision e Studio Sandrinelli Srl.

L’appuntamento, presentato da Marina Presello, giornalista di Sky Italia, con le incursioni di celebri personaggi proposti da Andro Merkù, giornalista e imitatore, direttamente dalla trasmissione La Zanzara di Radio24, ha avuto come protagonisti, neolaureati, imprenditori, professionisti, giovani, ricercatori e docenti accademici spinti dalla volontà di  tramutare la propria idea originale in realtà imprenditoriale.

Sei i progetti premiati per ciascuna delle quattro sezioni di Start Cup Fvg: Industrial (prodotti e/o servizi innovativi per la produzione industriale innovativi dal punto di vista della tecnologia o del mercato); Life Sciences (prodotti e/o servizi innovativi per migliorare la salute delle persone);  Agrifood – Cleantech (prodotti e/o servizi innovativi orientati al miglioramento della sostenibilità ambientale, tramite il miglioramento della produzione agricola, la salvaguardia dell’ambiente, la gestione dell’energia) e ICT (prodotti e/o servizi innovativi nell’ambito delle tecnologie dell’informazione e dei nuovi media: e-commerce, social media, mobile, gaming, ecc.).

I premiati di ciascuna sezione sono stati inoltre suddivisi nelle categorie IDEAS o START UP, sulla base del grado di avanzamento già raggiunto dal progetto, e si apprestano ora, seguiti dall’angelo cui sono stati abbinati, a partecipare alla fase di stesura del business plan definitivo con cui concorreranno alla finale di Start Cup FVG, in programma a ottobre a Trieste.

Per la sezione Industrial sono stati premiati i progetti: Gladius (categoria startup), Picosats (categoria startup), Elementi di Copertura (categoria ideas), Smart Nano Lab (categoria ideas), Neuromicronica (categoria ideas) e Material Scan (categoria startup).

Per la sezione Life Sciences sono stati premiati i progetti: Bellussi (categoria ideas), Supervisor (categoria startup), Biopollife (categoria startup), Mediary (categoria ideas), Optimens (categoria startup) e Bee Safe (categoria ideas).

Per la sezione Agrifood – Cleantech sono stati premiati i progetti: Plastolatte (categoria ideas), Liquor Mellum (categoria ideas), SHOWED (categoria startup), CEP compostable Eco packaging (categoria startup), Buono Vending (categoria startup) e Swindenergy (categoria ideas).

Per la sezione ICT sono stati premiati i progetti: Next FEM (categoria ideas), Sporteevo.pro (categoria startup), EINSOF (categoria ideas), Tap FOOD (categoria startup), HO HO (categoria startup) e Visitait (categoria ideas).

Dettaglio dei progetti vincitori

Sezione Industrial

Gladius (categoria startup) si rivolge agli uomini che si fanno la barba. Si tratta di un progetto sloveno per la realizzazione di lame compatibili con i rasoi Gillette Mach3 e Fusion, i cui ricambi tradizionali sono sì confortevoli ma molto costosi. L’idea di Gladius si ispira alle cartucce per stampanti non originali, e promette un costo per il consumatore inferiore di circa il 40% rispetto al prodotto originale.

Picosats (categoria startup) vuole far raggiungere lo spazio anche a industrie, enti scientifici e organizzazioni non specializzate nel campo aereospaziale. Il progetto prevede la realizzazione e commercializzazione di pico- satelliti parallelepipedi di lato 10 cm e lunghezza fino a 30 cm. Il cliente di PicoSaTs potrà scegliere il suo prodotto, assemblare da solo il suo satellite e integrarlo con strumenti di suo interesse.

Elementi di Copertura (categoria ideas) è un’idea per migliorare l’isolamento degli edifici e diminuire i costi della climatizzazione, attraverso l’utilizzo dell’acqua.
Il progetto è basato su un sistema combinato tra elementi di diversa natura, che accolgono e trattengono l’acqua proveniente sia dalla pioggia, sia dalla rugiada che dall’umidità atmosferica, allo scopo di renderla disponibile nel momento in cui le condizioni climatiche esterne favoriscano l’evaporazione: quando evapora l’acqua, infatti, si produce un effetto di raffrescamento immediato dell’edificio (‘fase attiva’), dopo aver comunque beneficiato della capacità termica e della massa superficiale dell’acqua nel contrastare la propagazione del calore (‘fase passiva’). Un prodotto quindi dalla funzione sia isolante sia climatizzante, in grado di abbattere l’uso e quindi i consumi di impianti di climatizzazione

Smart Nano Lab (categoria ideas) è un progetto per aiutare lo sviluppo di nuovi nano materiali innovativi a basso costo, che il team è in grado di sviluppare e testare per conto terzi.
L’elemento chiave è il design al computer di questi materiali tramite l’utilizzo di avanzate tecniche di modellistica molecolare multiscala che permettono di stimare le principali proprietà dei materiali quali, ad esempio, caratteristiche meccaniche/tribologiche (durezza, moduli meccanici, rottura…) e funzionali (idrofilicità/idrofobicità, resistenza alla corrosione e ad agenti chimici, effetto barriera a solventi e detergenti, conducibilità termica, elettrica e magnetica, capacità di rilascio di sostanze attive) prima ancora che il materiale venga sintetizzato, o realizzate ad hoc su specifica esigenza. Il progetto consente la riduzione dei costi di ricerca sperimentale, l’esplorazione di nuove soluzioni e nuovi prodotti, la migliore gestione del rischio attraverso test e simulazioni, la riduzione del time-to-market di un nuovo prodotto, e la maggiore competitività sul mercato per un’azienda.

Neuromicronica (categoria ideas) si rivolge ai neuroricercatori, per agevolarne le attività sperimentali.
Il progetto intende fornire una serie di prodotti e servizi innovativi ed altamente tecnologici che permettano al ricercatore nel campo delle neuroscienze cognitive di non dover più adattare l’esperimento ai prodotti reperibili sul mercato, ma di poter usufruire di prodotti adattabili all’esperimento, attraverso la reingegnizzazione del processo di progettazione e produzione dei setup all’interno dei laboratori (ricorso alla stampa 3d, alla prototipazione rapida, alla computer vision e all’integrazione di sistemi).

Material Scan (categoria startup) guarda alla sicurezza degli edifici civili e industriali.
La startup progetta, realizza e sviluppa infatti un sistema innovativo e personalizzato per il monitoraggio continuo di strutture attraverso un dispositivo, adattabile e di facile gestione, che consente di prevenire cedimenti prematuri e di aumentare il livello di sicurezza delle costruzioni. Un passo avanti per la sicurezza dei cittadini, in un paese, come l’Italia, caratterizzato dal rischio sismico.

Sezione Life Sciences

Bellussi (categoria ideas) è un’idea per incrementare la sicurezza del personale medico durante le operazioni. L’ideatore ha progettato infatti un’innovativa maschera protettiva, con sistema ottico ingrandente integrato, che isola gli occhi di un utilizzatore dall’ambiente esterno, proteggendolo da infezioni trasmissibili per via oculare o da qualsiasi altra lesione oculare. La sua invenzione, semplice e vincente, nasce per rispondere alle due necessità di un chirurgo durante un intervento: proteggere i propri occhi e vedere ingrandito. Il prodotto è stato già pensato per poter svolgere anche funzioni di illuminazione e ripresa audio video.

Supervisor (categoria startup) vuole contribuire alla riduzione degli incidenti sul lavoro mediante la spinta a un maggiore utilizzo dei DPI (dispositivi di protezione individuale) da parte dei lavoratori. Il progetto prevede l’utilizzo di una tecnologia avanzata presente direttamente nei dispositivi, in modo da permettere la localizzazione spaziale dei DPI e non precludere il normale svolgimento delle attività lavorative. Attraverso un dispositivo di controllo, chi è incaricato del controllo dell’utilizzo dei dispositivi riesce a sapere se le protezioni sono o non sono indossate.

Biopollife (categoria startup) propone un nuovo biopolimero a elevato valore tecnologico realizzato da fonti naturali/rinnovabili. Il progetto nasce da un gruppo di ricercatori dell’Università degli Studi di Trieste che, durante gli ultimi 10 anni di attività di ricerca, ha sviluppato e caratterizzato un biopolimero (polisaccaride) denominato Chitlac. La startup si propone di produrre polisaccaridi funzionalizzati ad alto valore aggiunto per uso biomedicale, cosmetico e nutraceutico/alimentare, nell’ottica della “Green Chemistry”; fornire servizi di caratterizzazione e consulenza; sviluppare prodotti e processi “custom-made” per clienti; valorizzare economicamente la proprietà intellettuale pre-esistente e sviluppare nuovi brevetti.

Mediary (categoria ideas) vuole essere un aiuto per evitare le interazioni negative tra farmaci e tra farmaci e prodotti erboristici. Si tratta della prima e unica Mobile Health App al Mondo che raccoglie in un unico luogo virtuale tutti gli strumenti che permettono di monitorare in toto la terapia farmacologica e di verificare velocemente, mediante un alert, le possibili interazioni tra farmaco e farmaco e tra farmaco e rimedio naturale. MEDiary è sviluppata con l’autorevole collaborazione di una struttura sanitaria accreditata, il Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano.

Optimens (categoria startup) vuole aiutare l’elasticità mentale in età avanzata. Si propone di realizzare dei servizi per la salute attraverso percorsi di training cognitivo: una palestra per il cervello, basata sui più recenti progressi in Neuroscienze, finalizzata al mantenimento e all’ottimizzazione delle risorse cognitive nelle persone ultrasessantenni. I percorsi si articolano in una serie di attività ludiche di stimolazione cognitiva effettuate in piccoli gruppi. È infatti dimostrato che il gioco e la socialità amplificano gli effetti del training sulle singole abilità cognitive comportando un miglioramento generalizzato della performance.

Bee Safe (categoria ideas) intende aiutare a prevenire gli shock anafilattici da puntura di api e affini. Propone infatti un sistema analitico innovativo che permette in modo preventivo di identificare se una persona è già sensibilizzata, sotto il profilo immunologico, al veleno di imenotteri e può sviluppare una reazione anafilattica. La tecnologia permette l’utilizzo anche in ambiente extra-ospedaliero e si propone sia al mercato domestico, con autodiagnosi, fino a quello ospedaliero e dei presidi medici, quali quelli dedicati alla sorveglianza sanitaria per lavoratori, operatori o soggetti che operano all’aperto o in aree rurali e che possono incorrere in situazione di emergenza.

Sezione Agrifood – Cleantech

Plastolatte (categoria ideas) riesce a produrre plastiche completamente biodegradabile a partire dal siero di latte. Il processo innovativo proposto permette la produzione di biopolimeri completamente biodegradabili tramite il riciclo del siero di latte, che altrimenti deve essere trattato come rifiuto speciale. Un modo per  contribuire alla salvaguardia del pianeta usando uno scarto della caseificazione e abbattendo così i rischi derivanti dall’inquinamento dovuto a manufatti plastici che non possono essere distrutti nell’ambiente.

Liquor Mellum (categoria ideas) intende sviluppare la produzione, commercializzazione e promozione a Km zero di un particolare prodotto derivato dalla fermentazione del miele: l’idromele. un’ottima alternativa al vino da dolce, oltre a possedere le qualità benefiche del miele, che si presta ad essere declinata in molteplici varianti a seconda delle varietà di mieli e delle tecniche di produzione impiegati.

SHOWED (categoria startup) produce energia dall’acqua di mare. Propone un sistema per l’utilizzo del moto ondoso fornito dalle onde di piccola altezza per la produzione di Elettricità, Illuminazione, Acqua desalinizzata, Idrogeno low cost CO2 Free. Un sistema con un costo dell’80-90% inferiore alla concorrenza e con capacità di sfruttare le onde anche minori di 50 cm, nettamente inferiori a progetti analoghi.

CEP compostable Eco packaging (categoria startup), mira ad utilizzare la bioplastica nel settore del packaging per ridurre l’impatto ambientale. In particolare si tratta di una capsula compostabile, biodegradabile e biobased, che non ha origine da materiale vegetale ma è prodotta da microrganismi alimentati con gli scarti della produzione, con caratteristiche 100% bio, maggiori di quelle attualmente in commercio.

Buono Vending (categoria startup) vuole portare il vero gelato artigianale ovunque.
Propone infatti sistemi per la vendita automatica di gelato artigianale sfuso che consentono all’utente finale di comporre il prodotto -quantità, gusti e finiture- in maniera completamente personalizzata: si tratta quindi di vere e proprie mini-gelaterie automatiche, posizionabili in qualunque location e funzionanti 24/7. il gelato venduto tramite i distributori automatici Buono Vending è esattamente il prodotto fresco e genuino realizzato quotidianamente dai gelatieri artigiani che si avvarranno di questa tecnologia.

Swindenergy (categoria ideas) prevede lo sviluppo, brevetto e commercializzazione di un sistema innovativo di conversione dell’energia eolica in energia elettrica anche nelle zone urbane o periurbane dove i venti sono principalmente in regime turbolento, che può essere integrato anche negli involucri di facciata di edifici commerciali od industriali. Il sistema appare come uno stelo di forma piatta ed allungata, senza parti rotanti visibili all’esterno ed ancorato al terreno, e può convertire in energia elettrica gli spostamenti d’aria e le turbolenze generate dal passaggio di automezzi lungo le vie autostradali o dal passaggio di convogli ferroviari.
Sezione ICT

Next FEM (categoria ideas) vuole aiutare il lavoro degli ingegneri.
Propone software e consulenza per il calcolo strutturale condotto dall’ingegnere professionista, con particolare attenzione all’analisi non lineare e alla possibilità di fornire il calcolo in cloud come Application as a Service, sgravando l’utente dai tempi di attesa e dal controllo dell’analisi. L’offerta si articola anche con un servizio di consulenza ad hoc sulle strategie progettuali e di modellazione. Soddisfa l’esigenza, rilevata nell’ambito professionale dell’ingegneria civile, di avere a disposizione uno strumento potente, sempre aggiornato, di costo limitato e scalabile alle diverse esigenze, per la progettazione strutturale di edifici/opere in ambito civile ed edile.

Sporteevo.pro (categoria startup) si rivolge ad atleti e gli appassionati degli sport “non di massa” che hanno il problema di riuscire a reperire l’attrezzatura e gli articoli di alta gamma rapidamente e facilmente. Si tratta di un portale di e-commerce dove l’offerta delle aziende di nicchia si incontra con la domanda di appassionati da tutto il mondo.

EINSOF (categoria ideas) vuole rendere più facile e affidabile l’uso del cloud,
Propone un dispositivo che permetterà a privati cittadini e alle aziende di usare in maniera sicura i servizi di memorizzazione su cloud attraverso un dispositivo collegato al proprio computer in grado di crittografare in maniera sicura i dati mentre li salva sul cloud.

Tap FOOD (categoria startup) si rivolge a chi vuole ordinare il proprio pasto via internet / app. E’ una soluzione che comprende un sito web e un’app gratuita per tutti i dispositivi, con cui chiunque può trovare i ristoranti iscritti al servizio e selezionarli in base a parametri oggettivi e meritocratici (tempi di consegna, prezzo, ecc.). Selezionato il ristorante, si può comporre il proprio piatto preferito attraverso un menù innovativo e personalizzabile, ricevere la conferma dell’ordine e aspettare l’arrivo del proprio piatto o ritirarlo in negozio. Valore aggiunto e importante novità introdotta da TapFood è ciò che sta a valle dell’ordine: agli esercenti sarà fornito un software gestionale completo (TapManager) installato su ciò che già conoscono e sanno utilizzare: un registratore di cassa.

HO HO (categoria startup) aiuta i ristoratori che fanno consegne a domicilio a ottimizzare il delivery, offrendo un sistema innovativo di sconti ai clienti.
Propone un’applicazione per connettere online ogni ristorante con i propri clienti, un software per i ristoratori (o qualsiasi attività commerciale) che consente, ricevendo ordinazioni on ed offline, di inviare un messaggio promozionale a tutti i clienti collegati a quel ristorante che risiedono nella stessa area di consegna. nel momento in cui viene ricevuto un ordine per un servizio di home delivery, il sistema invia automaticamente un avviso a scadenza temporale (sotto forma della cosiddetta notifica push) ai clienti che si trovano in un raggio predefinito dal ristoratore (da 1 a 5 km di distanza) attorno al luogo dove dovrà essere consegnato il primo ordine ricevuto. In questo modo da un lato il potenziale cliente trova un’offerta particolarmente vantaggiosa, dall’altro il ristoratore ottimizza la logistica di consegna.

Visitait (categoria ideas) si rivolge a chi vuole fare sport in Friuli Venezia Giulia.
propone un sito e-commerce intuitivo e veloce che permette ai turisti di scegliere in autonomia le attività sportive disponibili sul territorio, e acquistare i pacchetti in totale sicurezza. dopo aver preso gli accordi commerciali con il partner che svolge l’attività, (esempio noleggio bici) Visitait crea tutta la parte pubblicitaria sia a livello on-line che off-line.


Info Stampa:
Michele Da Col
Ufficio Stampa Start Cup FVG 2015
Studio Sandrinelli Srl
email: dacol@studiosandrinelli.com – cell. 340-3356400