Scatola nera: Il nuovo modo per risparmiare sull’assicurazione


Al giorno d’oggi riceviamo continuamente offerte per risparmiare sull’assicurazione auto. Nonostante ciò le tariffe RC Auto in Italia sono le più alte d’Europa.

La soluzione a mio avviso è l’assicurazione auto con scatola nera e in questo articolo vi spiegherò il perché!

Se non sai come funziona la scatola nera, su AssicurazioneIdeale.com puoi trovare un interessante guida e un esempio pratico di come risparmiare con la scatola nera auto!

 

Assicurazione auto con scatola nera: La soluzione del futuro!

Qui di seguito ti elenco 4 motivi perché la scatola nera auto è la soluzione del futuro!

  1. Grazie alla black box le compagnie assicurative possono creare tariffe sempre più personalizzate. Ad esempio esse possono adeguare il premio in base ai chilometri percorsi e alla qualità della guida (quest’ultima variabile a mio avviso sarà sempre più diffusa);
  2. Con essa è possibile ricostruire la dinamica dell’incidente e in tal modo ridurre le truffe assicurative, una delle piaghe del nostro paese insieme alle assicurazioni fantasma, e quindi ridurre la tariffa media;
  3. Grazie al GPS è possibile ritrovare l’auto rubata e di conseguenza si ha una notevole riduzione della tariffa furto;
  4. Infine l’assicurazione auto con scatola nera permette una serie di servizi accessori come ad esempio il soccorso immediato in caso di incidente sempre grazie al rilevatore gps.

Nonostante le compagnie stiano sempre più investendo in questa soluzione assicurativa per i motivi che sopra ti ho elencato, essa stenta a decollare nell’immaginario collettivo, spesso vittima di pregiudizi.
Due frequenti pregiudizi e perplessità sono:

  • Privacy: Spesso si pensa che la scatola nera sia un invasione della privacy del contraente, tuttavia i dati raccolti sono privati e vi potranno accedere solo il contraente su richiesta e la compagnia a fini tariffari o in caso di sinistro;
  • Costo installazione e canone: Molte persone sono spaventate dal costo di installazione e dal canone annuo; il primo spesso è gratuito mentre il secondo solitamente è talmente inferiore al risparmio sulla tariffa RC auto da garantire comunque un risparmio notevole sul costo totale dell’assicurazione auto.