Phonesex, il libro di Philip Toledano dedicato ai teleoperatori del sesso telefonico


Ho imparato ad ascoltare gli uomini in modo più profondo. Il mio lavoro mi ha permesso di arrivare oltre i piccoli giochi e fantasie, con accesso diretto ai loro pantaloni, tenendoli per le palle.” “Se tutte le donne facessero sesso al telefono prima di perdere la verginità, saprebbero godere in molti altri mod.i” “Quando ho iniziato ero nervosa, ma ora il telefono è come un nuovo giocattolo sessuale. Diciamo che ho ritrovato me stessa e la mia sessualità attraverso questo lavoro.”

Ecco alcune delle testimonianze dirette che possiamo leggere nel libro Phonesex (Twin Palms Publishers) del fotografo britannico Phillip Toledano, che ha spiegato: “C’è una sorta di accordo tra i teleoperatori di sesso telefonico e le persone che chiamano […] La persona che chiama fa finta che lui (o lei) sta parlando con una bella ragazza o con un giovane uomo, e l’operatore telefonico svolge questo ruolo alla perfezione.”

Il libro, che è stato pubblicato nel 2008, fa ancora parlare parecchio. Toledano ha trovato ben 26 persone (uomini e donne) disposte a collaborare con lui tramite un annuncio su Craigslist e nel libro ci sono le loro foto ed i loro racconti, come questo di un uomo: “Per simulare il muoversi del letto si possono utilizzare mobili che imitino il suono del letto che colpisce il muro, come una sedia sbattuta di continuo contro il tavolo. Ad alcuni clienti piace ascoltare il suono del mio pene che colpisce il telefono”.

In queste hot line ci sono donne, ragazze, anziane, mature, trans e mistress.

Ma ora veniamo a una domanda che forse ci siamo fatti in molti: è pericoloso fare questo mestiere? Ci risponde una teleoperatrice: “E’ davvero un modo per fare soldi in un modo molto sicuro”.

Il resto lo potete leggere nel libro.