L’olio extravergine di oliva


L’olio extravergine di oliva è un prodotto alimentare utilizzato come condimento, molto diffuso nell’area europea mediterranea e al giorno d’oggi a livello internazionale.

L’olio extravergine di oliva si ottiene dalla pianta denominata Olea Europea, comunemente chiamata ulivo; questa pianta cresce soprattutto nella zona del Mar Mediterraneo, ma è stato anche esportato in America e in Oceania; l’ulivo cresce bene nelle zone temperate ed con una certa umidità. La maturazione dei frutti avviene nei mesi che vanno da ottobre fino a gennaio.
Quando l’oliva, una volta al termine della maturazione, è pronta per essere spremuta, è formata prevalentemente da acqua, lipidi, composti non azotati e fibra grezza.

La raccolta dei frutti avviene principalmente una volta che essi sono caduti naturalmente, o per scrollatura, o per brucatura a mano.

L’olio extravergine è ottenuto per mezzo della spremitura, che viene compiuta tramite mezzi meccanici, per pressione, centrifugazione o percolamento.

La differenza tra l’olio vergine e l’extravergine di oliva sta nell’insieme delle prerogative di composizione e organolettiche; infatti l’olio extravergine di oliva deve possedere un’acidità massima dello 0,8%, e su di esso viene condotto un esame per controllare che esso corrisponda alle caratteristiche di profumo fruttato e sapore leggermente amaro, richieste perché possa fregiarsi di questo nome.

L’olio extravergine di oliva ha un alto valore energetico (899 kcal per 100 grammi), è ricco di grassi monoinsaturi e acido oleico; grazie ai suoi componenti, è uno dei condimenti più consigliati per tenere a bada il colesterolo cattivo (LDL) nel sangue.

Scopri le caratteristiche e le proprietà benefiche dell’olio italiano visitando il portale dedicato all’olio extravergine di oliva.