Normativa di primo soccorso aziendale


Non tutti sanno forse che negli uffici e nelle aziende è obbligatorio conformarsi alle norme attuali vigenti di sicurezza sul luogo di lavoro e non solo nelle fabbriche o aziende che svolgono lavori pericolosi o a rischio ma in tutti gli uffici e negozi o altri luoghi di lavoro.

La normativa di riferimento per la sicurezza e il primo soccorso in ufficio prevede una chiara distinzione tra le aziende che ospitano 3 o più lavoratori e aziende che hanno meno di 3 lavoratori.

Le prime devono garantire la dotazione minima (all.1) e le altre aziende le dotazioni previste nell’allegato 2 della norma di riferimento e la norma  che prevede disposizioni sul pronto soccorso aziendale, si trova all’articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e modifiche seguenti.

Questo articolo prevede:
Art. 1 La classificazione delle aziende
1. Le aziende  sono classificate a seconda della tipologia dell’attività svolta,e del numero dei lavoratori occupati e si suddividono in tre gruppi:

A I) Aziende  con attività industriale
II) Aziende   con oltre 5 lavoratori
III) Aziende   con oltre 5 lavoratori  del comparto dell’agricoltura
B Aziende  con tre o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A
C Aziende  con meno di 3 lavoratori che non rientrano nel gruppo A

Art. 2 Organizzazione del pronto soccorso
1.Nelle aziende  di gruppo A e di gruppo B il datore di lavoro deve garantire ai propri dipendenti :
a) una cassetta di pronto soccorso in ciascun luogo di lavoro dell’azienda che abbia la dotazione minima indicata nell’allegato 1, e deve assicurarne anche sempre la completezza ed il suo corretto stato d’uso  .
2. Nelle aziende di gruppo C il datore di lavoro deve provvedere a garantire nel luogo di lavoro:
a) pacchetto di medicazione,in ciascun luogo di lavoro con  la dotazione minima  dell’allegato 2
5. Nelle aziende   che hanno lavoratori che svolgono attività in luoghi isolati, e non nella sede aziendale  , il datore di lavoro è tenuto a fornire  uno speciale pacchetto di medicazione di cui all’allegato 2 della norma di riferimento.