Marmellate, come fare se le ricette tradizionali inglesi perdono terreno


Il pensiero corre inevitabilmente a bacon, uova strapazzate e salsicce quando si pensa alle colazioni di oltremanica, ma non bisogna scordarsi di un altro ingrediente essenziale della cosiddetta “english breakfast”: la marmellata di arance da spalmare sugli immancabili toast di forma triangolare.Marmellata d'arance su toast

Stando all’agenzia di ricerche specializzata nel settore alimentare Kantar World Panel, la popolare specialità a base di agrumi sta andando incontro a una crisi di mercato al punto che in pochi anni si è registrato un calo delle vendite pari a ben 2.5 milioni di vasetti.

La tradizionale marmalade jam è caduta vittima della concorrenza di prodotti alternativi per la colazione da spalmare sul pane, tra cui in particolare le creme a base di cioccolato e il burro di arachidi.

Come sottolineato in un articolo pubblicato qualche tempo fa sul The Guardian, però, il patriottismo nazionale si schiera in difesa di uno dei suoi alimenti per la colazione più tipici dal momento che “La marmellata è la scelta di Winston Churchill, James Bond ed Edmund Hillary. Il burro di arachidi, invece… beh, c’è sempre George W Bush”.

Qualcuno sostiene che il crollo delle vendite sia dovuto anche a un altro motivo, ovvero al fatto che gli inglesi abbiano sempre più affinato le proprie doti su come fare le marmellate in casa e che quindi preferiscano le ricette fai da te piuttosto che gli acquisti “industriali”. Chissà, magari è proprio così; che ne dite, a questo proposito, di scoprire le ricette per la preparazione di marmellate e confetture che vi suggerisce il sito Bormioli Rocco Quattro Stagioni?