La meraviglia delle perle, che siano d’acqua salata o di fiume


Le perle, si sa, esercitano un grande fascino agli occhi di molti e suscitano un forte desiderio di essere messe su collane, orecchini, bracciali e via dicendo. L’incredibile bellezza di queste gemme preziose è senza dubbio amplificata dalla naturalezza e perfezione della forma con cui nascono dalle cosiddette ostriche perlifere. Le perle, infatti, prendono forma quando un corpo estraneo penetra all’interno dell’ostrica e si formano quindi gli strati di madreperla che vanno a proteggere i tessuti del mollusco.

Le perle che attualmente vengono commerciate sono prodotte all’interno di vere e proprie coltivazioni ad hoc realizzate dall’uomo inserendo nell’ostrica una sferetta di madreperla o dei frammenti di epitelio.

Esistono principalmente due macrocategorie di perle, ovvero quelle di acqua dolce – molto resistenti e provenienti dai laghi cinesi – e quelle di acqua salata. Per essere degne del loro nome, tutti i tipi di perle devono avere due caratteristiche fondamentali: la forma perfetta e l’impeccabile luminosità. Due tipologie illustri di perle di acqua salata sono le perle Akoya, provenienti dal Giappone, e le perle nere di Tahiti.

Le perle Akoya possono essere di colore bianco, avorio o con riflessi rosa e argento, e vengono coltivate prevalentemente in Cina e Giappone. Sono di piccola dimensione e dalla forma quasi perfettamente sferica, e rappresentano la versione più conosciuta e prestigiosa della perla.

Le perle di Tahiti, invece, hanno la peculiarità di essere di colore scuro e sono prodotte dall’ostrica Pinctada Margaritifera, che ha le labbra nere e si trova nel Pacifico. Al contrario delle perle Akoya, quelle di Tahiti hanno un ampio diametro proprio perché l’ostrica stessa è piuttosto grande. Questo tipo di perla dal colore splendente e dalle dimensioni notevoli, è molto raro e di conseguenza piuttosto costoso; Tahiti è il principale centro in cui vengono commerciate le perle, ma non la sede delle coltivazioni.

Qualora si volessero acquistare dei gioielli con perle è opportuno rivolgersi ad un venditore competente e altamente preparato in materia, dal momento che si tratta di un acquisto delicato, che va fatto in modo informato. Un esempio autorevole di produttore di gioielli con perle altamente qualificato è rappresentato da Adriano Genisi, gemmologo italiano con alle spalle vent’anni di attività nel settore. Genisi, assieme al suo team di collaboratori, ha dato vita ad un e-commerce interamente incentrato su prodotti fatti con perle, pensati per essere indossati non solo da un pubblico femminile ma anche da un pubblico maschile, di qualsiasi età.

L’idea di dare alla perla una nuova vita, con significati diversi rispetto a quello canonico che la traduce solo in un simbolo di eleganza, non fa che arricchirne il già conclamato valore. La continua ricerca sul campo operata da Adriano Genisi ha dimostrato che la perla può essere utilizzata per dare un tocco di classe anche ai gemelli delle camicie, o che può dare vita a dei gioielli originali ma allo stesso tempo non troppo formali.

La maestosità dell’aspetto, la perfezione della forma, il colore incantevole come risultante di un processo di creazione naturale: ecco spiegato perché la perla, che sia di acqua dolce o salata, Akoya o Tahiti, esercita un fascino grandissimo sia su chi la osserva che su chi la indossa.

Maggiori Informazioni

Articolo a cura di Sara Mazzucato

Prima Posizione Srl