Curare la dermatite atopica


Oltre alla dermatite seborroica, molte persone soffrono anche di dermatite atopica, una malattia grave della pelle costituita da lesioni, secchezza della pelle, rossore e prurito intenso. Sono questi i principali sintomi della dermatite atopica: Tale malattia della pelle interessa in modo particolare i bambini e la cui gestione, se non si seguono determinate precauzioni, può rendere la vita davvero difficile. Alcune volte tale malattia può comportare lesioni estese e forte prurito che hanno delle ripercussioni sul sonno e impattano inevitabilmente sul benessere familiare. La malattia è in forte crescita negli ultimi anni e riguarda circa il 15% dei bambini. In Giappone ed Australia si raggiunge anche il 30%. A differenza della dermatite seborroica, che solitamente si verifica in età adulta, la dermatite atopica va a colpire principalmente i piccoli.

Il disturbo, di natura infiammatoria e non contagioso, nasce dall’interazione di fattori ambientali e genetici. In sostanza la pelle atopica è come un muro in cui le cellule sono i mattoni e la sostanza intercellulare rappresenta il cemento. Se quest’ultimo è difettoso, i mattoni perdono coesione e il muro non svolge correttamente la sua funzione: la cute si fissura, perde acqua, diventa secca e ruvida, non proteggendo più dalle sostanze irritanti esterne. È così che prende forma la malattia, riscontrabile fin dai primi mesi di vita di un neonato, con picchi che si registrano nei primi anni di scuola elementare. La dermatite atopica è più suscettibile agli stimoli esterni, anche se non eccessivi.

Le persone che sono affette alla Dermatite Atopica manifestano anche molte ulteriori problematiche correlate a quella principale come ad esempio insonnia, stress e sfiducia in se stessi.