Con le piattaforme elevatrici a Reggio Emilia si sconfiggono le barriere architettoniche


Nell’ambito di un piano di investimenti per l’abbattimento delle barriere architettoniche che il comune di Reggio Emilia porterà avanti nel triennio 2015-2017 verranno stanziati fondi per un ammontare complessivo di 600 mila euro.

Logo di Reggiana AscensoriLa prima tranche da 200 mila euro sarà disponibile a breve e verrà utilizzata per eseguire opere di importanza strategica a livello cittadino tra cui, in particolare, la stesura di nuove pavimentazioni in piazza Prampolini. Al termine dei lavori la centralissima piazza del capoluogo emiliano sarà facilmente percorribile non solo dalle persone in carrozzina ma anche dai pedoni e dai passeggini: un beneficio dunque per tutta la città.

A livello di edilizia privata la questione delle barriere architettoniche è purtroppo ancora molto estesa perché vi sono innumerevoli edifici che, a causa della loro età o della presenza di vincoli strutturali, non possono essere dotati di un ascensore.

Può però accadere che a Reggio Emilia siano le piattaforme elevatrici la soluzione di maggiore applicabilità per il superamento di rampe di scale e altre barriere architettoniche. Con questi impianti elevatori infatti occorrono meno spazi e meno volumi per l’installazione rispetto ai tradizionali ascensori, pertanto il loro campo di azione è particolarmente vasto.

Contatta lo 0522 552655 se sei interessato alla questione: risponde Reggiana Ascensori, azienda specializzata nella messa in opera di piattaforme elevatrici nei contesti residenziali, ma anche in uffici, negozi e tutti quegli ambienti che necessitano di questi impianti che favoriscono la mobilità dei disabili e di tutte quelle persone che hanno difficoltà di movimento. Per maggiori informazioni si può anche consultare il sito internet reggianaascensori.it.