Come si scelgono le Penne


A volte non è per nulla scontato procedere al prossimo acquisto di articoli di cancelleria, specie se si devono effettuare grandi ordini!
Come scegliere dunque fra le migliore penne ed i migliori correttori, per avere documenti sempre in ordine?
Nel mercato odierno di vendita penne e co. sono disponibili centinaia di modelli, tanto che spesso scegliere si rivela problematico; occorre dunque concentrarsi sui specifici bisogni di ognuno.
Ecco alcune variabili da tenere in considerazione quando si cercano buoni prodotti per scrivere e disegnare:

– L’ergonomia: solitamente l’uso di correttori – essendo generalmente limitato nel tempo – non necessita di particolari caratteristiche, mentre tutt’altro discorso è per le penne! Sono disponibili da alcuni anni nel mercato penne ergonomiche, sia per destrorsi che per mancini. Tenersi ben lontani da pennarelli, matite e stilografiche sfarzose con tanto di statuetta nell’impugnatura: sono spesso pesanti ed affaticano la mano durante lunghe sessioni di scrittura;
– Il tipo di utilizzo: qualcuno potrebbe dire che una biro è soltanto una biro, ma chi si occupa di vendita penne sa bene che non è necessariamente così, infatti gli strumenti di scrittura sono usati in diversi ambiti, dal semplice lavoro di segreteria alla calligrafia, per finire addirittura nel campo dell’Arte! Ai disegnatori sono spesso necessari tools che simulano il lavoro dei pennelli, dotati di punte morbide e ricaricabili;
– La resistenza e qualità durante tutta la vita del prodotto: Per un lavoro protratto nel tempo, specialmente per opere calligrafiche o manoscritti, è necessario che il tratto non cambi (affievolendosi, ad esempio, quando l’inchiostro inizia a mancare). Per mansioni da tutti i giorni sono sufficenti normalissime biro, mentre per realizzazioni più professionali ci si deve affidare a strumenti che garantisco un’ottima persistenza qualitativa anche in archi di tempo lunghi.
– L’aspetto: è risaputo che l’apparenza conta, e, benchè l’abito non faccia il monaco, non c’è dubbio che l’aspetto esteriore incida moltissimo sull’impressione che si da agli altri. Chi si immaginerebbe mai un importante Boss aziendale girare in tuta da ginnastica? Come si tiene in considerazione l’abbigliamento, occorre pure tenere in considerazione gli accessori ed i particolari; a quanto pare possedere una prestigiosa penna stilografica garantisce quell’aiutino in più e dona una maggiore fiducia da parte del cliente al quale la si da in mano per firmare un contratto 🙂

Questi sono solamente alcuni dei punti da tenere in considerazione quando si procede all’acquisto di articoli di cancelleria, soprattutto tenendo conto che spesso vengono fatti ordini piuttosto grossi (per chi lavora in azienda). A chi si per mestiere si occupa di vendita penne non capita certo di rado di trovarsi lamentele di clienti che, avendo ordinato quantità molto grandi di pennini, correttori e quant’altro, si trovano con stock inutilizzati di materiale.
Purtroppo in questo caso non c’è molto da fare, il consiglio è quindi quello di meditare bene anche quando si procedono ad acquisti di questo tipo!