Cestini gettacarta: meglio con o senza coperchio?


Nei bagni pubblici tendono ad essere prodotte maggiori quantità di rifiuti rispetto a quanto avviene nei servizi igienici domestici. Ciò è dovuto al fatto che, mentre in casa spesso gli eventuali rifiuti vengono gettati nella pattumiera della cucina, nelle toilette pubbliche essi vengono conferiti in loco nei cestini della spazzatura.

Inoltre, mentre nel bagno di casa siamo abituati ad asciugarci le mani con le classiche salviette di spugna, nei servizi utilizzati da più persone sono presenti dispenser che erogano asciugamani di carta, in grado di assicurare la massima igiene agli utenti. Ed essendo tante le persone che si recano in questi ambienti per espletare i loro bisogni, la mole di rifiuti inevitabilmente si fa elevata!

Nelle toilette di locali, palestre e negozi occorre quindi predisporre capienti cestini gettacarta di cui si possono trovare in commercio due varianti principali: quelli dotati di coperchio, e quelli che al contrario rimangono aperti.

Cestini gettacarta Mar PlastMentre la scelta di modelli con coperchio è ideale se si vuole che il bagno mantenga un certo decoro, e che gli utilizzatori non debbano osservare i rifiuti presenti nel contenitore, i cestini senza coperchio in genere sono più capienti e, se collocati al di sotto dei dispenser o degli asciugamani elettrici, permettono di raccogliere eventuali gocce evitando così di sporcare il pavimento.

Quale delle due tipologie è la migliore? Ovviamente la valutazione va fatta caso per caso e, a questo proposito, per visionare un catalogo completo di cestini per rifiuti ideali per i servizi igienici pubblici si consiglia di visitare il sito web del produttore italiano Mar Plast.