Anche l’occhio vuole la sua parte: l’importanza delle attrezzature per i parrucchieri professionisti


L’arte di fare i parrucchieri è un qualcosa che una volta si tramandava di generazione in generazione, un saper fare che apparteneva – e ancora appartiene – a tutta una categoria di lavori che si apprendono sul campo in modo molto pratico. Con il tempo, però, anche questo campo ha cominciato a richiedere un know how più esteso.

Nel corso degli anni la schiera di parrucchieri si è sempre più specializzata e i saloni sono diventati dei veri e propri centri di bellezza il cui obiettivo è trasmettere ai clienti la sensazione di poter assaporare un momento di relax tutto dedicato a loro. Di conseguenza, quando qualcuno si reca a tagliarsi i capelli o a fare uno shampoo, una tinta e quant’altro, si aspetta un trattamento speciale: l’aumento della qualità è direttamente proporzionale a quello delle esigenze della clientela, fatto di cui chi fosse intenzionato ad aprire un negozio di parrucchieri deve essere ben conscio. Il parrucchiere non è più solo il posto in cui ci si limita ad un taglio di capelli, spesso diventa un centro estetico a 360 gradi.

Come far fronte all’alto grado di competitività di questo settore e al continuo aumento delle aspettative al riguardo? Ci vuole innanzi tutto passione per questo lavoro e voglia di raffinare e migliorare sempre il servizio offerto; a questo poi deve necessariamente seguire una preparazione completa su più fronti.

Un punto che gioca nettamente a favore del professionista che vi investe è la cura nella scelta di attrezzature di qualità e quindi anche nell’allestimento dello spazio che va ad accogliere i clienti. In un buon salone, per esempio, non possono mai mancare degli specchi strategici, divanetti per la sala aspetto, sedie e poltrone comode, lavatesta ergonomici che mettano il parrucchiere nelle condizioni di poter massaggiare agevolmente la testa al momento del lavaggio, e via dicendo. Con le attrezzature giuste il lavoro risulta più semplice e quindi la permanenza piacevole per il cliente.

La Arredamenti Pieragnolo è un ottimo esempio di azienda in cui ogni parrucchiere che si mette in proprio dovrebbe rifornirsi di capi di arredamento per il suo negozio. Quest’ultima infatti è attiva nella produzione di arredamenti per parrucchieri fin dagli anni ’30, e si è specializzata nel tempo tanto da offrire anche una buona consulenza tecnica con relativa possibilità di personalizzazione dell’allestimento di ciascun salone. Ha inoltre sviluppato in parallelo una seconda linea di prodotti destinati all’arredamento di centri estetici, un plus non da poco visto il fatto che, come abbiamo visto, il parrucchiere può diventare anche salone di bellezza: grazie a queste soluzioni ibride chi va a farsi una messa in piega può cogliere l’occasione per fare una manicure o pedicure e viceversa.

Insomma, questo tipo di lavoro, che all’apparenza sembra necessitare di poche cose, in realtà oggi chiede di essere considerato in tutti i suoi aspetti, compreso il gusto per l’arredamento e l’oggettistica utilizzata. Vista la comprovata rilevanza che le attrezzature rivestono per chi ha un’attività in proprio nel settore dell’hairstyling o dell’estetica in generale, è utile in questo senso avere dei preziosi punti di riferimento per chi è alimentato dal sacro fuoco della passione per quest’arte – perché indubbiamente anche di arte si tratta.

Maggiori informazioni

Articolo di Sara Mazzucato
Prima Posizione Srl